Dalla Cina arriva un importante riconoscimento per Fabbri 1905 e il Made in Italy

12 febbraio 2021

Importante attestazione per  Fabbri 1905: con una sentenza  della Corte del Popolo di Shangai, la Cina riconosce  ufficialmente la proprietà intellettuale dell’inconfondibile grafica che riviste, da più di un secolo, i prodotti dell’azienda bolognese. Una  notizia storica per Fabbri 1905 e per tutto il Made in Italy

Arriva dalla Cina una notizia importantissima per l’azienda bolognese, che riguarda la storica veste grafica del brand caratterizzata dai bellissimi e inconfondibili faentini blu. 

Disegno grafico intramontabile, che rende immediatamente riconoscibile il packaging dei tantissimi prodotti Fabbri, a partire da quello dell’iconico vaso di Amarena Fabbri. 

Oggi, da un importante tribunale cinese, arriva una significativa comunicazione che afferma: “con decisione emessa il 29 luglio 2020 e notificata alle parti l'11 agosto 2020, la Corte del Popolo del Distretto di Shanghai Yangpu ha riconosciuto l’alta reputazione del packaging di Fabbri - recante il famoso decoro "faentino" blu e bianco - ai sensi dell'art. 6.1 della Legge sulla concorrenza sleale ("AUCL")*”.  

Si tratta di un traguardo eccezionale per Fabbri, che sancisce ufficialmente il riconoscimento di “un packaging famoso e che gode di un’alta reputazione” in Cina - accreditamento che l’azienda bolognese condivide con pochi altri marchi italiani – e che dimostra l’importanza e il valore del Made in Italy nel Paese del Dragone. 

La reputazione, di cui Fabbri gode già da tempo nel mondo, acquista decisamente un valore oggettivo anche in Cina, ottenendo così una certificazione rilevante anche nel dirimere questioni legate alla concorrenza e al mercato.  

“Questa sentenza è la riprova che il lavoro compiuto da imprenditori determinati, affiancati dalle diplomazie Italiana e Cinese può raggiungere risultati positivi e che oggi anche in Cina i marchi internazionali e il nostro Made in Italy sono equamente tutelati”, spiega Nicola Fabbri, Presidente di Fabbri China, che ha seguito di persona la questione legale, coadiuvato dall’avvocato Lara Gualdi del Foro di Bologna e dallo studio HFG Law Firm in Cina.  

La decisione del tribunale cinese pone fine a un contenzioso legale che ha visto l’azienda italiana impegnata nella difesa della “proprietà intellettuale”, legata al proprio packaging, da un tentativo di imitazione da parte di un’azienda dolciaria cinese.  

Il pronunciamento delle istituzioni a favore di un’azienda straniera è ancor più importante poiché inusuale nella practice cinese, a dimostrazione di come la Cina accolga ogni operatore che agisca con onestà, serietà e passione. 

Fabbri 1905 accoglie con grane soddisfazione questo riconoscimento che consacra il rapporto ormai ventennale con la Cina: una sinergia strategica che si concretizza giorno per giorno con il far conoscere e amare al consumatore cinese ottimi prodotti, garantiti da uno storico marchio, e nel rendere popolari gusti, saperi e mestieri tipicamente italiani.  

Notizie